Melania Mazzucco e Giancarlo Santone con Simonetta Bitasi

Festival letteratura 12 Giu 2018 Congo, Letteratura, Storia, Arte
In "Io sono con te", Melania Mazzucco racconta la storia vera di due donne. Una è lei stessa, la scrittrice. L'altra è Brigitte, fuggita dal Congo e arrivata a Roma, dove si ritrova sola e completamente abbandonata a sé stessa, finché qualcuno non le tende una mano. Viene infatti accolta al Centro Astalli, dove trova finalmente aiuto e, soprattutto, calore umano. Qui Giancarlo Santone diventa il suo psichiatra e il suo punto di riferimento in un mondo del tutto estraneo e, a tratti, crudele. Di storie come quella di Brigitte ce ne sono migliaia, storie di donne e madri che fuggono alla ricerca di un futuro portando con sé non bagagli, ma esperienze, ricordi, sofferenze, vite intere. Storie che solo la letteratura può raccontare nella loro universalità. A Festivaletteratura 2017 la scrittrice e lo psichiatra, intervistati da Simonetta Bitasi, hanno parlato della storia di Brigitte e di ciò che ci racconta: cosa significa migrare, come viene articolata l'accoglienza, cosa ci vuole per ricostruire una vita dopo l'esperienza traumatica della migrazione. ***** Le musiche del podcast sono di Raw Frame > https://naurecords.bandcamp.com/album/side-sight "Voci di Festivaletteratura" fa parte del progetto Open Festival, sostenuto da Fondazione Cariplo