Camillo Sbarbaro: Sonno, dolce fratello della morte