Giorgio Bassani: Una notte del '43 - 3.2