Giovanna Esposito "Santa Pietanza"

Il posto delle parole
21 Set 2017
Giovanna Esposito, Lydia Capasso "Santa Pietanza" Illustrazioni di Gianluca Biscalchin Tradizioni e ricette dei santi e delle loro feste Guido Tommasi Editore www.guidotommasi.it Dopo il successo de Gli Aristopiatti, che ci ha permesso di curiosare nelle cucine di corti e palazzi italiani, Lydia Capasso e Giovanna Esposito tornano con un nuovo volume della collana “Parole in Pentola”, uno spazio prezioso in cui cucina e narrazione si intrecciano e diventano l’una nutrimento dell’altra. Il filo rosso di Santa Pietanza è la santità: provate a pensare a quanti piatti italiani sono legati al culto dei santi... non riuscirete a contarli sulle dita delle mani! Ovunque sia praticata una religione che riconosce i santi, infatti, le usanze che testimoniano la devozione dei fedeli sono moltissime, anche in cucina. Le “sante pietanze”, il cui nome porta un esplicito riferimento al santo o che non possono mancare in tavola nel giorno a lui dedicato, nascono talvolta da un episodio storico, ma ancor più spesso sono legate a vicende mitiche ed eventi favolosi, che si perdono in tempi remoti e sono difficilmente riconducibili a una sola versione. Quale destino burlone ha fatto sì che Sant’Antonio, asceta ed eremita, sia oggi chiamato “del purcel” e considerato patrono di salumieri e macellai? Perché il 13 gennaio a Parma si mangiano le scarpette di Sant’Ilario? Avete mai assaggiato le dita degli apostoli? Con tono volutamente leggero e ironico, ma mai irrispettoso o irreverente, le autrici di Santa Pietanza raccontano il piacere della tavola e della convivialità mescolando elementi sacri e profani, “visto che le due cose, anche in cucina, sembrano continuamente sovrapporsi e intrecciarsi”. Lydia Capasso è nata a Napoli e vive a Milano ed è innamorata follemente di entrambe. E' una restauratrice che adora mangiare, cucinare e scrivere di cibo. Oggi scrive su Gastronomia Mediterranea, sulla Gazzetta dello Sport e collabora alla guida di Identità Golose. Giovanna Esposito, napoletana, laureata in filosofia, ha insegnato Italiano e Storia nelle scuole superiori. Ha ereditato la passione per la cucina dalle donne della sua famiglia, sua nonna e sua madre, poi la curiosità per le origini dei piatti e l'evolversi della gastronomia l'hanno indotta a coniugare le ricette con la letteratura e la storia. Nel suo blog Lost in the kitchen racconta la sua pratica culinaria. Con Guido Tommasi editore hanno pubblicato il libro di cucina Gli Aristopiatti, settantadue ricette per riscoprire i piatti, anzi gli aristopiatti, della nostra tradizione. IL POSTO DELLE PAROLE ascoltare fa pensare www.ilpostodelleparole.it

Potrebbero interessarti