Ferdinando Boero "Ecco perché i cani fanno la pipì sulle ruote delle macchine"

Il posto delle parole
11 Nov 2018
Ferdinando Boero "Ecco perché i cani fanno la pipì sulle ruote delle macchine" L'uomo e il suo rapporto con gli altri animali e le leggi della natura Manni Editori www.mannieditori.it Se siete “amanti degli animali” della tipologia standard, questo libro vi farà innervosire, almeno nel capitolo che parla del vostro animale preferito. Immagino che invece vi ritroverete nei capitoli che parlano di altri animali che a voi interessano meno. Per quel che vale, a me piacciono tutti, ma li preferisco selvatici, nel loro ambiente, e non addomesticati. Credo che sia triste vivere con umani, non essendo umani. Ma il mondo oggi è fatto così e non lo possiamo mica cambiare! Però lo possiamo guardare con occhi differenti dal solito, per capire qualcosa di più di noi stessi. Attraverso gli animali che pensiamo di amare. Che tipo di animale è l'uomo? E come si comporta con gli altri animali? Con quelli che mangia, con quelli che veste di cappottini firmati, con quelli verso cui prova solo ribrezzo? Ferdinando Boero compie un viaggio nella storia dell'uomo nella biosfera, con ironia e rigore scientifico: da quando l'Homo sapiens ha iniziato a cacciare, e poi allevare, fino alla “conversione animalista” e agli eccessi morbosi dell'epoca contemporanea. E ci racconta quali sono i rapporti tra le specie: dalla predazione (gli animali che cacciamo e alleviamo), alla simbiosi (l'animale con cui si convive), allo schiavismo (quello che lavora per noi) fino alla pet therapy e alla patologia di considerare un cane come un bebè. Dopo una carrellata tra le specie, dalle scimmie ai molluschi agli ovini agli uccelli ecc., ricca di aneddoti scientifici e divertenti, Boero spiega alcune leggi della natura, e fa qualche previsione: ci stiamo mettendo contro di esse, e se non riusciremo a fermarci, le cose si metteranno male. Ferdinando Boero È nato nel 1951 a Genova. Biologo marino, insegna Zoologia all’Università del Salento. Collabora con accademie europee e ha ruoli di consiglio in Marevivo, WWF Italia, Pro Natura, FAI. Ha ricevuto onorificenze in Francia, Inghilterra e Italia e scrive su “La Stampa”, “Il Secolo XIX”, “Nuovo Quotidiano di Puglia”, “Internazionale”, “Focus”, “il Tascabile” di Treccani. Ha pubblicato centinaia di articoli scientifici, monografie e tre libri divulgativi: Ecologia della bellezza, Ecologia ed evoluzione della religione (Besa 2006 e 2008) e Economia senza natura. La grande truffa (Codice 2012). IL POSTO DELLE PAROLE ascoltare fa pensare www.ilpostodelleparole.it

Potrebbero interessarti