Fabrizia Lanza "Tenerumi"

Il posto delle parole
31 Mar 2019
Fabrizia Lanza "Tenerumi" Manni Editori www.mannieditori.it Attorno al tavolo da pranzo di casa mia il cibo serviva a consolidare vecchie intese e a crearne di nuove, producendo nei casi più felici una particolare, saporosa intimità, facendosi parola e riuscendo a smussare emotività troppo crude che nessuno osava nominare e che pure, proprio a tavola, diventavano commestibili. Nel segno della passione per il cibo, Tenerumi è un memoir che unisce romanzo di formazione e affresco sociale. Nata nel 1961, in pieno boom economico, Fabrizia Lanza racconta la Sicilia del Novecento attraverso i gusti, i capricci e le predilezioni, soprattutto culinarie, di una famiglia aristocratica, la propria, divisa tra passato e futuro. Tra sé e quella casa l'autrice mette la distanza del Continente, studia e lavora “fuori”, e guarda da lontano, si sottrae, ma poi ogni volta torna a concedersi, vinta da un richiamo irresistibile di seduzioni e incantamenti – non solo gastronomici. Attraverso un corredo di storie e ricette, personaggi e prelibatezze, dalle fave a cunigghio alla torta Savoia, Lanza racconta un'epoca in maniera intima e universale. Fabrizia Lanza È nata a Palermo nel 1961 ed è cresciuta immersa in un mondo di cibo e vino. A 18 anni ha lasciato l’isola per la Francia e ha vissuto in diverse città in Italia. Storica dell’arte, ha lavorato per vent’anni in ambito museale. Tornata in Sicilia nel 2006, ha iniziato a lavorare presso l'Anna Tasca Lanza Cooking School, scuola di cucina fondata dalla madre a Regaleali, che ora dirige. Promotrice della cultura gastronomica siciliana nel mondo, ha pubblicato due libri di cucina negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, dove spesso tiene conferenze e lezioni. Insegna nelle più prestigiose università americane, e al Master of Liberal Arts in Gastronomy della Boston University. Nel 2015 ha ideato il docufilm Amuri. Cibo e storie della Sicilia tra sacro e profano. Questa è la sua prima opera di narrativa. IL POSTO DELLE PAROLE ascoltare fa pensare www.ilpostodelleparole.it

Potrebbero interessarti