“Taoismo (filosofia e religione)” di Carlo Puini

Pagina Tre
15 Nov 2018
 
(voce di SopraPensiero)   Il Tao è la via che l’essere umano deve cercare e percorrere per raggiungere l’armonia con la natura e l’unione con il creato. In questo breve studio vengono concentrate la storia, la filosofia, la religione di un credo che dal 400 a.C. si è diffuso soprattutto in Cina. In rapida sintesi vengono indicati il sistema di dottrine e prassi che il credente deve seguire per raggiungere il benessere del corpo e la pace dello spirito. Non vengono taciute le convergenze e contaminazioni che il Taoismo, nel corso dei secoli, ha avuto con il Confucianesimo e il Buddismo, tanto da poterli confondere, con una visione superficiale, l’uno agli altri. Le differenze che le distinguono sono molto grandi, dove il Confucianesimo con l’integrità, la fortezza e la razionalità è adatto al governo della società; il Buddismo con l’amore e la carità universale domina le menti, il Taoismo tende alla spontaneità del vivere governa la persona. Sinossi a cura di Paolo Oliva Dall’incipit del libro: Il Taoismo come religione non è propriamente l’argomento di questo libro. L’odierno Taoismo è una congerie eterogenea di concetti e atti di culto di varie provenienze, che presenta un’apparente unità, perchè designata con un nome comune. Ma sebbene questa religione sia nota come Taoismo, una buona metà è Buddismo corrotto e sfigurato, e l’altra metà comprende tutte le superstizioni venuteci fin dalle prime età del popolo cinese: animismo, polidemonismo, sciamanesimo, magia, alchimia, astrologia la compongono per la parte autoctona; culto esterno, chiese, conventi, monachismo, dottrina della retribuzione delle opere nel paradiso o nell’inferno, tutto ciò fu portato dal Buddismo. Io esamino ed espongo, nelle pagine seguenti, soprattutto quel complesso d’idee o speculative o pratiche, che formava una primitiva cultura preconfuciana, conservataci dai filosofi del V e IV secolo innanzi l’èra nostra. I quali, poco persuasi delle dottrine di Confucio, ne contrapposero altre, nè mancarono di mettere sovente in canzonella i severi dettami del rigido Maestro. Essi cercarono il loro fondamento nelle manifestazioni del primitivo pensiero cinese, e specialmente in quel singolare pensatore, tra il leggendario e lo storico, che sta a rappresentare l’antitesi confuciana, noto oramai anche in Occidente col nome di Lao-tse. Tanto rispetto a’ concetti morali, quanto al modo d’intendere la società umana, noi vedremo che tra le idee dei filosofi taoisti, e il culto religioso taoista così accetto al volgo della Cina, corre un gran divario. Scarica gratis: Taoismo (filosofia e religione) di Carlo Puini.

Potrebbero interessarti